Vai al contenuto
eva-de-marco
social network

Social network sì o no: come scegliere la strategia digitale giusta?

Spesso molti clienti mi chiedono: devo fare più post sui social network per aumentare le vendite e la popolarità? Penso che la domanda sia mal posta e che occorra un ragionamento diverso: prima di buttarsi e impegnarsi a riempire i social network di post bisogna analizzare bene il proprio business e capire di che cosa realmente ha bisogno. Vediamolo assieme.

Entrati nel nostro quotidiano circa 14 anni fa, i social network col tempo sembrano siano diventati la panacea di tutti i mali. Molti influencer o di chi vende corsi, snocciola ricette magiche che, se applicate, vi porteranno incassi d’oro. La realtà è ben diversa ovviamente.

I social network sono un fenomeno complesso, il cui contesto e “regole” cambiano in continuazione: quello che poteva andar bene sei mesi fa ora potrebbe anche non essere più valido. Se 14 anni fa eravamo ancora all’inizio degli approcci e c’è chi ha sfruttato a suo favore un ambiente ancora poco presidiato dalla pubblicità e molto più libero, ora ci si ritrova in un ambiente molto più competitivo e difficile.

Questo argomento sembra banale ma a conti fatti è molto vasto e ci sono tantissimi aspetti da valutare prima di buttarsi su una strategia digitale sui social (leggi anche: Web Marketing: le 5 verità che non ti dicono).

Social network sì o no?

La risposta è ovviamente sì. Ma la domanda vera è: su quale social network investire il proprio budget e tempo? La risposta a questa domanda è invece: dipende. Da diversi fattori:

  • Dal tipo di business
  • Dal budget a disposizione per investire
  • Dalla disponibilità di tempo

Ogni business (o meglio, l’offerta e la tipologia di clientela) ha il suo canale comunicativo privilegiato. Se per esempio il mio target è un pubblico molto giovane, non concentrerei le mie forze per far crescere una pagina su Facebook. È importante capire quale social scegliere.

Un altro mito da sfatare è che non serve far pubblicità e mirare solamente a fantomatici contenuti virali. Il budget da investire in promozione ci deve essere e comunque abbastanza consistente per ottenere qualche risultato. Fondamentale è avere una strategia di promozione alle spalle: promuovere a caso qualche post significare buttare via soldi!

La disponibilità di tempo è fondamentale nel caso di business di piccola entità: il coinvolgimento dell’imprenditore o di una piccola cerchia di dipendenti per la cura e la scelta dei contenuti da postare è sinonimo di genuinità e vicinanza col pubblico.

In moltissimi pensano di potersi rivolgere a dei freelance che con poche centinaia di euro al mese curano i profili social aziendali, concordando un banale piano editoriale e sfornando grafiche realizzate velocemente con Canva (se non sai cos’è Canva, vedi qui). Si può anche fare, con il rischio di diventare un po’ come tutti quanti, ma conviene chiedersi: che cosa si vuole ottenere realmente?

3 consigli prima di iniziare

Dopo aver risposto alla domanda “che cosa si vuole ottenere realmente dalla pubblicazione dei post sui social?”, ecco alcuni consigli per partire al meglio.

Consiglio 1: quale social scegliere

Capisci quali sono i clienti che intendi raggiungere tramite i social network e le loro abitudini. Questo ti consentirà di capire la piattaforma ideale per raggiungerli più facilmente e impostare il “tono di voce” con il quale comunicare.

Consiglio 2: quanto lavoro puoi fare tu

Fai un’analisi di quale contributo tu puoi portare come lavoro. Per esempio: saresti disponibile a fare video? Ti senti a tuo agio a parlare davanti a un telefono? Se a queste domande la risposta è no, rifletti sul tipo di piattaforma che hai scelto per comunicare. Se per esempio vuoi usare TikTok ma tu e il telefono non andate proprio d’accordo, tanto da compromettere la spontaneità dei video, allora forse è da rivedere la strategia (se vuoi approfondire TikTok, iscriviti a questo programma gratuito per imparare dalle basi).

Consiglio 3: fai test veloci ed economici

Fai tanti test: non si può centrare gli obiettivi al primo colpo, occorre testare le proprio strategie e capire cosa funziona e cosa no. L’ideale è essere veloci in modo da non sprecare tempo e ovviamente soldi.

Un bonus in più: vince la spontaneità

Sii il più spontaneo e vero possibile. Le persone amano l’autenticità quindi non limitarti a inventarti o copiare modelli che trovi su Canva: ti ritroverai altrimenti con un contenuto ormai uguale agli altri e senza personalità. Privilegia le foto in cui ci sono persone vere, magari della tua azienda, preferendo te che ne sei il creatore.

Hai ancora qualche dubbio e vuoi avere qualche dritta in più?

Fissa una call gratuita di 30 minuti con me, ne parleremo insieme.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri punti di vista

Segui il mio canale Telegram per Ricevere contenuti e consigli

blog