Quando si costruisce una casa

Cantiere-1-2

Vi parlo oggi di alcune tematiche che emergono quando si decide di realizzare una casa. In tutti questi anni di esperienza lavorativa nel campo dell'edilizia ho sentito diverse volte del prolungarsi dei cantieri di costruzione, generalmente di una casa di proprietà. Le ragioni sono le più varie: modifiche al progetto in corso di costruzione (che comportano un prolungamento a causa dell'elaborazioni delle varianti architettoniche e impiantistiche), causa meteorologiche oppure dovute a ritardi dell'impresa di costruzioni. 

Mettendomi dalla parte del cliente che commissiona la costruzione della propria casa, se per le prime due ragioni sono da attribuirsi al committente stesso e al caso, per la terza invece (nella maggioranza dei casi) il cliente non può far nulla. O meglio, si dovrebbe attrezzare in anticipo che ciò non accada. Come? Prevedendo nel contratto con l'impresa anche delle clausole e delle penalità in caso di ritardo della consegna dei lavori. Perché tutto questo? Il cliente dovrebbe proteggere il proprio sogno e soprattutto evitare di perdere mesi e denaro per causa non dipendenti dalla propria volontà.

Quante volte è capitato che una persona che sta costruendo casa e nel frattempo abita in un'altra che ha promesso in vendita ad una terza persona, si vede costretta a pagare un affitto nella stessa casa? Non è raro, credetemi. Oppure per le case in legno: ve le pubblicizzano come le più rapide, con tempi di consegna in sei mesi che poi diventano nove, dodici ecc…e voi lì ad aspettare.

La cosa migliore da fare è rivolgersi a un avvocato per una consulenza e farsi suggerire come meglio formulare un contratto ed eventualmente (fortemente consigliato!) farlo leggere prima di firmarlo. Purtroppo è bene cautelarsi, le aziende che lavorano bene e seriamente stanno diminuendo a scapito delle tempistiche e della qualità dei lavori. Per esempio cercate anche di evitare i sub-appalti dei sub-appalti: l'impresa principale subappalta i lavori ad artigiani terzi che poi subappaltano a sua volta e voi non sapete che vi farà i lavori. Centinaia sono le cause civili per lavori eseguiti male proprio a causa di questa modalità di lavoro. Per cui, sapendo della lentezza della giustizia italiana in questi casi, è sempre meglio prevenire i problemi.

In un recente articolo ho parlato della scelta dei coordinatori in fase di progettazione e di esecuzione (leggi anche qui), una menzione speciale va fatta anche per il Direttore dei Lavori, una figura di grossissima responsabilità: sulle sue spalle c'è l'intera esecuzione dell'opera, la corrispondenza del progetto con quanto realizzato, come sono stati eseguiti i lavori. Perché scegliere invece – per risparmiare – una persona che fa l'uccel di bosco in cantiere? Una professionista serio sarà presente in cantiere quotidianamente per coordinare e controllare i lavori e più volte nel caso di attività particolarmente importanti.

Voi direte: "Di questo passo quanto spenderò per la mia casa?" E io vi risponderò con un'altra domanda:"Quanto spenderete per errori o ritardi? Perché ci saranno, ve lo garantisco. Oltre a un fattore economico, ci metterete anche una buona dose di crisi nervose". Pensateci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *